LEADERSHIP, CARISMA E INTELLIGENZA SPIRITUALE | Maria Boschetti
566
post-template-default,single,single-post,postid-566,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.1.1

LEADERSHIP, CARISMA E INTELLIGENZA SPIRITUALE

SEMBRA UN PARADOSSO EPPURE..

L’intelligenza è un tema molto indagato e dibattuto tra psicologi.

C’è chi la misura, chi la classifica e chi studia il cervello e la sua neurofisiologia.

Chi la misura si focalizza sul Quoziente Intellettivo, chi la classifica si concentra sulla differenza tra intelligenza matematica, linguistica ed emotiva, e chi la studia cerca di trovare la quadra tra dati di laboratorio e il mistero della genialità e dell’idiozia di tanti nostri comportamenti.

Sta di fatto che nessuno ancora ha le idee proprio chiare su cosa voglia dire precisamente essere intelligenti.

E sta anche di fatto che proprio in pochi fino ad oggi parlano dell’Intelligenza Spirituale, che è la cura delle virtù e la capacità di lavorare sul Sè per diventare, giorno per giorno, persone migliori.

Secondo la mia esperienza e il mio punto di vista, l’intelligenza è sapersi adattare al contesto e agli eventi e scegliere comportamenti congruenti, consequenziali e positivi per il nostro benessere e i nostri obiettivi.

In pratica, essere intelligenti secondo me vuol dire saper portare la pelle in salvo in situazioni di pericolo, saper creare condizioni positive, e sapersi realizzare nel lavoro, nelle relazioni, nell’amore.

Per me intelligente è chi sa vivere la vita e sa far stare bene chi gli è attorno.

Chi sa vivere e si preoccupa di far star bene gli altri è il miglior partner, il miglior leader, il miglior amico che ognuno possa desiderare.

In questa mia personale visione, l’Intelligenza Spirituale ha senza dubbio più spazio rispetto a quella matematica, o linguistica, o meramente emotiva.

Perchè?

Perchè io vedo ogni giorno che le persone che coltivano le virtù sono quelle più carismatiche, più di successo, più felici.

In parole povere, non c’è genio della scienza, dell’arte, dello sport privo di Intelligenza Spirituale, che sia in grado di costruire una vita sana, emanare carisma, sviluppare una carriera di successo.

Se c’è una cosa su cui (quasi) tutti sono d’accordo, è che l’intelligenza può essere coltivata e sviluppata con l’esercizio, la costanza e la motivazione.

E allora, se vuoi diventare una persona più equilibrata, carismatica e di successo, inizia subito a lavorare su questi tre aspetti:

Integrità

Chi coltiva l’integrità sta molto attento alla coerenza e al proprio valore morale. Le responsabilità, gli impegni e le ambizioni possono diventare materiale altamente tossico per la psiche e senza un obiettivo chiaro, un codice morale e delle regole precise, diventa facile cadere in tante trappole. Perdere la faccia non è che una delle più lievi.

Distacco

Chi coltiva il distacco sta sempre attento a fare un passo indietro e cogliere la visione d’insieme senza tralasciare i dettagli.

L’Ego è una brutta bestia, e può compromettere il più grande amore e la più promettente carriera. Tenere a bada egoismo, orgoglio e opportunismo può davvero, per quanto di questi tempi possa sembrare paradossale, portare nella tua vita nient’altro che successo, benessere e felicità.

Consapevolezza di sé

Chi lavora alla consapevolezza di sé investe tempo ed energie nella conoscenza profonda di se stesso.

L’ha detto Socrate e l’ha detto Freud: se hai il coraggio di guardare in faccia le tue potenzialità e le tue fragilità puoi comprendere quelle altrui. E solo con la mappa precisa delle risorse e delle debolezze puoi individuare cosa valorizzare, cosa scartare, e cosa perdonare a te stesso e agli altri.

 

Perchè un buon leader, un buon partner e un buon amico non possono definirsi tali se non sono anche delle persone per bene.

Perchè un buon leader, un buon partner e un buon amico non possono definirsi tali se non sanno mettere da parte l’orgoglio per dare spazio a progetti ed esperienze di valore.

Perchè un buon leader, un buon partner e un buon amico non possono definirsi tali se non hanno la capacità di trasformare un inciampo e un fallimento in una opportunità.

 

Avevi mai pensato che i pilastri della spiritualità potessero esserti così utili  in questi tempi in cui sembra che tutto passi veloce senza lasciare traccia?

E, soprattutto, avevi mai pensato che lavorare attivamente a diventare una persona migliore fosse sinonimo di intelligenza, e che questo lavoro potesse portarti concretamente al successo e alla felicità?